Archives for settembre, 2008

VENERDI 31 OTTOBRE 21.15 VOGLIAMO ANCHE LE ROSE

  • settembre 27, 2008 8:12 pm

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

VENERDI
31  OTTOBRE  21.15

VOGLIAMO ANCHE LE
ROSE

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Cast    Anita
Caprioli
, Teresa
Saponangelo
, Valentina
Carnelutti

Regia    Alina Marazzi

Durata    01:25:00
Data di uscita 2008

Data di uscita    Marzo
2008

La regista Alina Marazzi  ripercorre gli anni della liberazione
sessuale femminile e per farlo usa immagini di repertorio, filmati in super8,
immagini delle Teche Rai e della Cineteca di Bologna, film sperimentali di Adriana
Monti, Loredana Rotondo e Alfredo Leopardi, testi tratti dai diari
dell’Archivio di Pieve Santo Stefano. Non mancano lettere e conversazioni con
le testimoni di quegli anni, foto dell’epoca, fotoromanzi e riviste. Ma tutte
queste immagini vengono intercalate a tre percorsi individuali vissuti a Roma,
quelli di Anita, Teresa e Valentina, che scrivono le loro memorie nel 1967, nel
’75 e nel ’79. Anita viene da una famiglia borghese, si sente stretta nelle
maglie dell’educazione cattolica impartitale dai suoi genitori e si iscrive
all’università proprio quando stanno esplodendo i fermenti del ’68. Teresa
arriva a Roma da un paesino della provincia di Bari per sottoporsi a un aborto
clandestino. Infine, Valentina, è una ragazza politicamente attiva che
frequenta il collettivo di via del Governo Vecchio. Prestano loro la voce tre
attrici, Anita Caprioli, Teresa Saponangelo e Valentina Carnelutti, ma i volti
sono quelli di ragazze dell’epoca, immortalate in casalinghi super8. Anita,
Teresa e Valentina nelle pagine dei loro diari raccontano di se stesse, della
loro vita, dei loro corpi e dei rapporti con gli uomini, delle loro
frustrazioni e della loro incapacità ad esprimersi. Attraverso il loro sguardo
e la loro presa di coscienza riviviamo quella rivoluzione.

 

VENERDI 24 OTTOBRE 21.15 PRIMA DELLA RIVOLUZIONE

  • settembre 27, 2008 8:09 pm

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

VENERDI 24 
OTTOBRE  21.15

PRIMA DELLA
RIVOLUZIONE

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Cast  Domenico Alpi,
Evelina Alpi,
Gianni Amico,
Adriana Asti,
Cecrope
Barilli
, Francesco
Barilli
, Emilia Borghi,
Iole Lunardi,
Giuseppe
Maghenzani
, Allen
Midgette

Regia  Bernardo
Bertolucci

Sceneggiatura  Gianni Amico,
Bernardo
Bertolucci

Data di uscita  1964  Durata 1:64:00

Fabrizio, giovane della
borghesia di Parma, è deciso a rompere i rapporti con la sua classe sociale.
Egli è marxista e nella sua nuova concezione della vita non c’è posto neppure
per la sordità borghese di Clelia, la sua fidanzata. Il suicidio dell’amico
Agostino, vittima del suo disorientamento ideologico, provoca in Fabrizio un
dramma interiore che soltanto Gina, sua giovanissima zia, intuisce e comprende.
I due giovani, pur profondamente diversi per temperamento e concezione della
vita, si amano ma la loro relazione è destinata a spegnersi ben presto. Rimasto
solo, Fabrizio cerca inutilmente di risolvere il suo conflitto interiore con la
compagnia di Cesare, un maestro elementare che è stato fino a quel momento la
sua guida ideologica. Consideratosi definitivamente sconfitto, Fabrizio torna
rassegnato nel mondo borghese sposando Clelia.

VENERDI 17 OTTOBRE 21.15 MILOU A MAGGIO

  • settembre 27, 2008 8:06 pm

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

VENERDI 17 OTTOBRE 
21.15

MILOU A MAGGIO

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Cast   Michel
Piccoli
, Michel
Duchaussoy
, Miou Miou,
Bruno Carette,
Dominique
Blanc
, Paulette
Dubost
, Martine
Gautier
, Renaud Danner

Regia    Louis Malle

Sceneggiatura    Jean-claude
Carrière
, Louis Malle

Data di uscita    1989  Durata 
01:47:00

Mentre la radio
trasmette incessantemente notiziari da Parigi in rivolta (è il maggio turbolento
del ’68), nel Sud Ovest della Francia muore di infarto la ultraottantenne
signora Vieuzac, proprietaria di una bella villa con bosco e vigneti. Il figlio
Milou, un sessantenne che da sempre vive là (con Adèle, la cameriera-amante) e
che adora la campagna, si affretta a convocare gli altri eredi. Arrivano dunque
suo fratello Georges (giornalista ormai giubilato) con l’attraente moglie
inglese (Lily); Camille, figlia di Milou stesso, con tre irrequieti bambini,
nonchè Claire (che della defunta è nipote), recante al seguito una giovanissima
danzatrice cui è morbosamente legata. E con gli arrivi comincia la lotta degli
eredi, prontissimi a dividersi, vendendo tutto, le spoglie di Madame Vieuzac,
mentre Camille, tanto per non perdere tempo, arraffa uno dei più begli anelli
della nonna. Quello che resiste all’idea di una spartizione totale in tre è
però Milou, che vede crollare il suo mondo, mentre tutto si fa ancor più
complicato quando il notaio dà lettura di una lettera della defunta che ha
lasciato alla sua fedele cameriera un quarto del patrimonio: con l’inatteso e
sgradevole risultato che la divisione ereditaria dovrà essere fatta per
quattro. Sulla sorte del patrimonio, tuttavia, pesano molte preoccupazioni: le
notizie parigine fanno nutrire dubbi sull’ordine e sulle proprietà, si
preparano per la Francia tempi duri e molta gente, anche in provincia, ripara
impaurita sulle colline. Ci vanno anche Milou e i suoi familiari, insieme ad
una coppia di vicini terrorizzati, più il giovane figlio di primo letto di
Georges (Pier Alain) ed un camionista bloccato sul posto, essendo in sciopero i
benzinai e perfino i servizi delle pompe funebri, per cui il cadavere di Madame
Vieuzac, dopo tre giorni, è ancora in casa. A sentire Pier Alain, per i ricchi
e gli egoisti di
speranze ne restano
pochissime. Più che impauriti, gli eredi pensano ora che in fondo la terra,
quei mobili e la casa non offrono molte prospettive di adeguato e rapido
realizzo. Milou intanto fa scavare una fossa per la madre ai piedi di un grande
albero. Poi, quando la radio annuncia che finalmente De Gaulle ha ripreso
saldamente in pugno la situazione, gli altri se ne tornano in fretta alle loro
case (Pier Alain, invece, va a Parigi con la ballerina), mentre Milou sarà
l’unico che ha tentato di salvare con la villa quella terra rigogliosa in cui
ha sempre creduto. Molto probabilmente, calmatesi le acque, una spartizione
dovrà esserci, ma per intanto egli resta lì, tutto solo con il fantasma
materno.

VENERDI 10 OTTOBRE 21.15 LETTERA APERTA AD UN GIORNALE DELLA SERA

  • settembre 27, 2008 7:59 pm

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

VENERDI 10 OTTOBRE  21.15

LETTERA APERTA AD
UN GIORNALE  DELLA SERA

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Cast    Gabor Acs,
Riccardo
Berlingieri
, Silverio
Blasi
, Daniele
Costantini
, Daniele
Dublino
, Vittorio Duse,
Fabienne
Fabre
, Piero
Faggioni

Regia    Francesco
Maselli

Sceneggiatura     Francesco
Maselli

Data di uscita   1970
Durata   01:22:00

Al termine di una serata in casa di un
editore di sinistra, trascorsa come sempre in astratte discussioni, un
architetto industriale, la cui fabbrica è in co-gestione con gli operai che vi
lavorano, lancia ai suoi amici – un gruppo di intellettuali comunisti,
rivoluzionari a parole ma perfettamente inseriti nel "sistema" di cui
godono i vantaggi e condividono i vizi – l’idea di inviare una lettera al
direttore di un quotidiano di sinistra, chiedendo di partecipare attivamente
alla guerra nel Vietnam. Contrariamente alle previsioni, il giornale non la
pubblica, ma la lettera esce, egualmente, sulle pagine di un settimanale.
L’iniziativa acquista una forte risonanza, si allarga fino a ottenere adesioni
anche dall’estero, mentre sembra addirittura che Hanoi, contrariamente al
solito, sia disposta ad accettare l’invio di volontari; per quanto non approvi
l’iniziativa, anche il partito comunista si vede costretto ad appoggiarla.
Accorgendosi della piega tremendamente seria presa da un’iniziativa nata
soprattutto per fornire un alibi alla loro coscienza, ma non potendo più
tirarsi indietro, gli intellettuali si radunano in una villa di campagna, in
attesa di partire. Proprio alla vigilia, però, li raggiunge una notizia da
Hanoi: i nordvietnamiti non vogliono volontari stranieri. I promotori
dell’iniziativa possono finalmente respirare di sollievo.

VENERDI 3 OTTOBRE 21.15 I PUGNI IN TASCA

  • settembre 27, 2008 7:55 pm

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

VENERDI 3 OTTOBRE  21.15

I PUGNI IN TASCA

i pugni in tasca

Cast

Lou Castel,
Paola
Pitagora
, Marino Mase’,
Pierluigi
Troglio
, Irene Agnelli,
Celestina
Bellocchio
, Gianfranco
Cella
, Alfredo
Filippazzi
, Liliana
Geraci
, Jenny Macneil

Regia                 Marco
Bellocchio

Sceneggiatura   Marco
Bellocchio

Data di uscita   1965  Durata  
01:47:00

Si tratta di un film manifesto, per certi
versi anticipatore della
contestazione sessantottina.La
storia si compie in uno spazio chiuso,
angosciante, dove vivono i componenti di una famiglia senza pace. I soggetti
principali del film sono infatti cinque membri molto diversi di una stessa
famiglia malsana, autodistruttrice. Tutti personaggi attaccati gli uni con gli
altri, che soli non hanno ragione di esistere: la madre, cieca, ancorata ai
ricordi; il fratello minore Leone, affetto da ritardo mentale ed epilessia che
si rifiuta di crescere; è un ragazzo tenero, indifeso ed immensamente dolce ma
inutile agli occhi degli altri familiari. Poi c’è Augusto, il fratello
maggiore, il più normale che cerca di crearsi una famiglia e di integrarsi con
la società. Giulia è l’unica sorella, molto curiosa nei confronti della vita
(spia le prostitute) vive un rapporto semi-incestuoso con l’ultimo fratello
Alessandro, il protagonista, l’unico che realmente sente il disagio della
famiglia e cerca il modo per risolvere quest’ormai insostenibile situazione.
Alessandro non sa uscire dalla propria autocontemplazione, dal suo estremo
narcisismo e non sa crearsi nessun rapporto se non all’interno dalla famiglia,
ne è ossessionato.
Lou Castel,
nel ruolo di Alessandro, è riuscito genialmente a modificare il suo personaggio,
aggiungendovi una dolcezza imprevista che lo rende ancora più crudele e
tagliente. Meravigliose le scene in cui si abbandona totalmente a sé stesso
pensando di non essere visto (per esempio davanti alla madre cieca).

CINEMANEMICO

  • settembre 27, 2008 6:56 pm

CINEMANEMICO

  • settembre 18, 2008 6:46 pm

VENERDI 3 OTTOBRE RIPRENDONO LE PROIEZIONI DI CINEMANEMICO


CON UN CICLO SUL 68


VENERDI 3 OTTOBRE  I PUGNI IN TASCA DI MARCO BELLOCCHIO


VENERDI 10 OTTOBRE  LETTERA APERTA AL GIORNALE DELLA SERA DI FRANCESCO MASELLI


VENERDI 17 OTTOBRE  MILOU A MAGGIO DI LOUIS MALLE


 VENERDI 24 OTTOBRE  PRIMA DELLA RIVOLUZIONE DI BERTOLUCCI


 


ED INFINE


 


VOGLIAMO ANCHE LE ROSE DI ALINA MARAZZI

 

TUTTI I VENERDI ALLE 21.15